Partner culturali

 

Festival Toscanini

Si tratta di una delle grandi novità della programmazione artistica de La Toscanini. Cogliendo la straordinaria occasione di ‘Parma 2020+21 – capitale italiana della cultura’, la prima edizione del Festival si svolgerà dal 7 al 21 giugno 2021 con sedici appuntamenti di cui quattordici concerti, un convegno, uno spettacolo musicale, due film accompagnati da musica dal vivo. Fra gli obiettivi principali vi è la riscoperta e la valorizzazione del ‘repertorio toscaniniano’, con un focus specifico sul primo Novecento italiano, ovvero su quei compositori e quelle opere che il Maestro ha divulgato con passione nei lunghi anni della sua carriera e che spesso ha diretto per la prima volta. Musica ma non solo: il Festival avrà carattere multidisciplinare e multiculturale, prevedendo introduzioni all’ascolto prima di ogni concerto ed eventi in cui la musica dialoga con le arti figurative, l’architettura, la poesia, il teatro e il cinema.

Organizzato e promosso in collaborazione con l’Università di Parma, gli appuntamenti del Festival si terranno in diversi luoghi di Parma e dintorni: sale da concerto, teatri, ma anche cortili, chiostri, chiese, ville e parchi.

Tra i vari grandi appuntamenti del festival stesso, segnaliamo il 7 giugno il concerto inaugurale nel Duomo di Parma, il 17 giugno l’Eroica di Beethoven in Piazza Duomo, concerto aperto alla cittadinanza e il concerto di chiusura all’Auditorium Paganini, il 21 giugno, nella notte del solstizio d’estate, tradizionalmente considerato la “festa della musica”, che vedrà la partecipazione del famoso soprano Anna Caterina Antonacci interpretare La Canzone dei ricordi di Giuseppe Martucci.

Appuntamento prestigioso il 14 giugno presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Parma dove si svolgerà un Convegno Internazionale dal titolo “Toscanini e Furtwängler: due culture a confronto”, nel quale interverranno studiosi quali: Alessandro Avallone (Università “La Sapienza” di Roma), Angela Ida De Benedictis (Paul Sacher Siftung Basel), Cesare Fertonani (Università degli Studi Milano), Carlo Augusto Lo Presti (Conservatorio Parma), Antonio Rostagno (Università “La Sapienza” Roma), Paolo Russo (Università degli Studi Parma), Christine Siegert (Beethoven-Haus Bonn). Coordinamento scientifico Simone Di Crescenzo (La Toscanini).

La collaborazione con l’Università degli Studi di Parma prosegue anche con l’intervento e la partecipazione di docenti universitari in vari eventi collaterali prima dell’inizio dei concerti.

Il 9 giugno in occasione del concerto cameristico ‘Reminescenze Neoclassiche’, presso la Fondazione Magnani Rocca, Cristina Casero storica dell’arte contemporanea e docente di Storia della Fotografia, ci parlerà di ‘Toscanini e gli artisti del suo tempo’. Il 13 giugno, nella Sala Gandolfi della Corale Verdi, Carlo Mambriani professore ordinario di Storia dell’architettura e Marco Capra docente del dipartimento Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali, prima del concerto cameristico ‘Quella sera all’Isolino’, (rievocazione del concerto di Pizzetti a casa Toscanini con letture) affronteranno il tema “Una dimora per l’esilio. A casa Toscanini tra Parma e il Lago Maggiore” ed infine il 17 giugno, nella Sala Convegni dell’Unione Parmense degli Industriali, si terrà un incontro a cura di Carlo Verotti professore di Letteratura italiana dal titolo “Miti a confronto”.

La Toscanini, comunque, sempre sensibile al mondo della scuola e dell’istruzione in generale, riserva, agli studenti Universitari, una politica dei prezzi privilegiata ed economicamente contenuta, applicando sul costo dei biglietti e a fronte della presentazione del tesserino universitario sostanziali sconti rispetto al costo ordinario: si tratta della tariffa “Academy”, con riduzioni che vanno dal 50 al 75% dei prezzi.

Sito web

RAPPORTI FRA LE PARTI

CONSIGLIO GENERALE

Lenz Fondazione ha tra i propri organi istituzionali un Consiglio Generale formato da Soci Fondatori, Aderenti e Sostenitori, e che l’Università di Parma ha chiesto e ottenuto nel 2016 l’ingresso nella Fondazione in qualità di Socio Sostenitore con la prospettiva di cooperare culturalmente e progettualmente agli scopi istituzionali della Fondazione e congiuntamente di stringere con essa ulteriori e più proficui rapporti di collaborazione istituzionale, artistica e didattica. Rappresentante per l’Università di Parma nel Consiglio Generale di Lenz Fondazione è la Professoressa Roberta Pierangela Gandolfi.

CONVENZIONE QUADRO

Dopo una prima convenzione attiva dal 2005, Lenz Fondazione e Università di Parma hanno sottoscritto una nuova e aggiornata Convenzione Quadro nel 2019, con le seguenti finalità:

Attività didattiche: le Parti cooperano per la realizzazione di programmi formativi indirizzati a studentesse/studenti dell’Università di Parma, e che si potranno concretizzare in seminari e laboratori nell’ambito dei corsi di laurea triennali e specialistici, dei master universitari di I e II livello, dei corsi di perfezionamento, anche in collaborazione con altre istituzioni del territorio, ed eventualmente aperti alle/ai docenti di ogni ordine e grado.

Tirocini formativi e di orientamento: la Fondazione accetta, all’interno delle proprie strutture e nei limiti della propria disponibilità, studentesse/studenti iscritte/iscritti ai corsi di studio dell’Università di Parma per lo svolgimento dei tirocini formativi ai sensi del DM 270/04, sulla base di programmi formativi appositamente concordati e di comune interesse.

Attività di ricerca e divulgazione: le Parti cooperano mettendo a disposizione le rispettive strutture tecniche e bibliografiche nonché il personale (le/i docenti, ricercatrici/ricercatori, tecniche/tecnici, artiste/artisti) e studentesse/studenti di diversi livelli formativi per lo svolgimento di attività di ricerca e divulgazione di comune interesse, che potranno dar luogo a pubblicazioni, tesi di laurea e di dottorato, conferenze, incontri con artiste/artisti, convegni, mostre, eventi e quant’altro verrà concordato.

COMITATO DI INDIRIZZO DUSIC

Dal 2017 Lenz Fondazione entra nel comitato di indirizzo Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali, che ha lo scopo di riunire, su progetti triennali, le parti interessate e coinvolte nelle attività di didattica, ricerca e terza missione (tra cui public engagement) dei dipartimenti sociali e umanistici dell’Università di Parma.

PARMA CITTÀ UNIVERSITARIA

Dal 2020 Lenz Fondazione è partner della rete Parma Città Universitaria, costituita dal Comune di Parma, dall’Università di Parma e da un gruppo di soggetti che hanno l’obiettivo di cooperare sul territorio in modo sinergico al fine di rendere il territorio sempre più sensibile, attento e rispondente alle esigenze delle/degli studentesse/studenti universitarie/i.

SERVIZI

TIROCINI

Lenz Fondazione ospita presso la propria struttura le/i tirocinanti dell’Università di Parma (n.1 tirocinante ammessa/o per piano formativo) su progetti che riguardano l’assistenza all’organizzazione dell’attività teatrale ordinaria e di pianificazione e gestione del Festival internazionale di arti performative Natura Dèi Teatri, la comunicazione di eventi culturali, l’attività di archiviazione materiali, l’avvallo alla produzione e alla tecnica dell’installazione scenica, osservatori critici sui linguaggi del contemporaneo.

BIGLIETTERIA

Lenz Fondazione offre agevolazioni sul biglietto di ingresso agli spettacoli propri e di compagnie ospiti calendarizzati in occasione della stagione Habitat Pubblico o del Festival internazionale di arti performative Natura Dèi Teatri organizzati negli spazi di Lenz Teatro o in altri spazi esterni del territorio, a studentesse/studenti universitarie/i e al personale docente e tecnico-amministrativo dell’Università di Parma, secondo modalità che vengono concordate di progetto in progetto.

ACCESSIBILITÀ

Lenz Teatro è provvisto di:

  • Ascensore
  • Passerelle per l’ingresso nelle sale
  • Bagni per persone con disabilità
  • Bagni gender neutral

L’ingresso agli eventi organizzati da Lenz Fondazione è gratuito per persone con disabilità, con posto riservato. L’eventuale accompagnatrice/accompagnatore ha diritto ad ingresso con biglietto ridotto.

PROGETTI

LABORATORI AMBIENTI PERFORMATIVI CONTEMPORANEI

Nella lingua performativa di Lenz, la germinazione formativa delle pratiche laboratoriali struttura il rinnovamento dei processi creativi.

Al fine di implementare un progetto di conoscenza e diffusione dei linguaggi performativi contemporanei, dal 2019 Lenz propone di realizzare, rivolto alle studentesse e agli studenti dei corsi di laurea magistrali ed in collaborazione con il Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali dell’Università di Parma, un percorso laboratoriale per la creazione di Ambienti performativi-visuali-sonori contemporanei. Il progetto prevede lezioni teoriche e una parte pratica applicativa di studio installativo in spazi non teatrali (Laboratori).

 

Sito web

L’Associazione Micro Macro Festival nasce a Parma nel 1991 con lo scopo di realizzare appuntamenti dedicati al teatro per le nuove generazioni. L’attività principale è un festival, che negli anni si è profondamente trasformato e nell’ultimo periodo ha focalizzato l’attenzione su percorsi artistici multidisciplinari che mettono al centro la funzione sociale del teatro come luogo di formazione etica ed estetica dei futuri cittadini. Parallelamente alla trasformazione progettuale, negli ultimi anni l’Associazione ha attuato, all!interno della propria compagine associativa, un costante ricambio generazionale, per fa convivere esperienze professionali più mature con un numero crescente di giovani con competenze artistiche, tecniche e organizzative. Dal 2014 si occupa della realizzazione di Insolito Festival che si svolge nei mesi estivi mettendo al centro della propria visione il rapporto con la città. Il festival promuove non solo spettacoli, ma soprattutto creazioni ad hoc che hanno il sapore delle esplorazioni urbane e dell’incontro con la comunità nelle diverse componenti generazionali e interculturali attraverso una spiccata apertura contenutistica e formale, in una visione delle arti sceniche orientata alla varietà dei linguaggi, dei generi e delle poetiche degli artisti, e a una concezione massimamente aperta del pubblico, con una platea intergenerazionale che integra anche adulti e bambini insieme. Tra le creazioni originali realizzate: S-chiusi (tre edizioni), un viaggio teatrale nei negozi chiusi per crisi che ha avuto l’obiettivo di mostrare come il teatro possa incidere sulla dimensione comunitaria del vivere urbano; Rent a movement, un progetto d’arte comunitaria che, attraverso una raccolta di gesti prestati da cittadini e cittadine di ogni età, viene tradotto in uno spettacolo di danza che ogni volta contiene l’impronta di tutti i gesti prestati; Pankine, un progetto che ha indagato la città e i luoghi del quotidiano, il rapporto tra le persone e lo spazio pubblico reinterpretati dal teatro, dalla musica, dalla danza e dai cittadini, concentrando lo sguardo sulle panchine, simbolo di un processo di trasformazione e fragilità urbana; Dialoghi dell’infanzia, un’Installazione sonora nata per raccontare agli adulti il punto di vista dei bambini su alcuni grandi argomenti: dio, madre natura e la morte. L’installazione sonora viene collocata in spazi cittadini inediti per dare vita ad un’occupazione simbolica dedicata all’infanzia e al suo sguardo poetico sul mondo. Gli artisti di riferimento dell’Associazione, incontratisi al Teatro delle Briciole di Parma, hanno una pluriennale esperienza di teatro e laboratori con le nuove generazioni e con una spiccata vocazione per un teatro di ricerca che è anche teatro dell’infanzia e teatro di figura. L’Associazione è partner di Parma Città Universitaria, una convenzione con Comune di Parma e Università agli Studi di Parma.

Dal 2020 è socio dell’Associazione Scenario.

Sito Web

 

Società dei concerti di Parma

Sito Web

 

 

Teatro del cerchio di Parma

Sito web

 

 

 

Fondazione TeatroDue

Sito Web

 

 

Teatro Regio Parma

Sito web